Una rilettura della band perugina dei Fleshgod Apocalypse

A dimostrazione del fatto che un pezzo che funziona può essere declinato in diverse espressioni musicali, i Fleshgod Apocalypse – la band death metal orchestrale italiana – hanno rivisitato con risultati sorprendenti “Blue (da Ba Dee)”, la celebre hit internazionale degli (altrettanto italiani) Eiffel 65, datata 1998.

Se non ricordate la versione originaria o non l’avete presente, riascoltatela qui

 

e poi ascoltate la versione dei Fleshgod Apocalypse.

Francesco Paoli, frontman della band perugina, dice:


“Volevamo pubblicare qualcosa che potesse rendere la fine di questo 2020 di merda un po’ più divertente per tutti. Ecco perché abbiamo preso un brano dance popolare degli anni ’90 e l’abbiamo reso il più pesante, arrabbiato e sanguinoso brano da festa di sempre”.

L’album più recente (e quinto, dopo 2009 – Oracles” del 2009, “Agony” del 2011, “Labyrinth” del 2013 e “King” del 2016) della band in cui milita la soprano Veronica Bordacchini si intitola “Veleno”, ed è uscito nel 2019; ascoltate il singolo “No”.