Tutto è pronto al Dolby Theatre di Los Angeles per la 93esima edizione degli Oscar. La cerimonia vera e propria prenderà il via alle ore 2:00 (ora italiana) questa notte – tra il 25 e il 26 aprile – ma si potrà iniziare a seguire il pre-show e il tradizionale red carpet a partire dalla mezzanotte, anche in Italia. Come nelle passate edizioni, non ci sarà solo un unico presentatore o presentatrice, ma star del mondo cinematografico e dello showbiz. Tuttavia, a causa della pandemia da Coronavirus, secondo il nuovo regolamento dell’Academy, saranno presenti solo i presentatori e i candidati alla statuetta.

Chi condurrà lo show

Al momento, le star confermate sono: Brad Pitt, Harrison Ford, Zendaya, Laura Dern, Regina King, Joaquin Phoenix, Bryan Cranston, Reese Witherspoon, Angela Bassett, Renee Zellweger, Halle Berry, Don Cheadle e il regista Bong Joon-ho, vincitore dei premi per le categorie Miglior film e Miglior regista nel 2020 con Parasite. Ma non sono escluse ulteriori sorprese.

  • Oscar 2021, chi vincerà? I sette film da tenere d’occhio

Gli italiani in nomination per la statuetta

In questa 93esima edizione degli Oscar, l’Italia concorrerà per la vittoria in due categorie. Laura Pausini, già vincitrice del Golden globe con Seen / Io sì, è in nomination con lo stesso brano nella categoria Miglior canzone. La seconda nomination italiana è per la categoria Migliori costumi, dove il Pinocchio di Matteo Garrone proverà a vincere l’ambita statuetta.

Come seguire gli Oscar 2021 in tv e in streaming

Dall’Italia sarà possibile seguire la diretta degli Oscar 2021 su Sky. Il red carpet e il pre-show andranno in onda a partire dalle 00:15 sul canale 3030 di Sky Cinema Oscar. La cerimonia vera e propria, però, verrà trasmessa anche sia sul canale 108 (Sky Uno). E per chi non dovesse avere un abbonamento a Sky? Nessun problema. Sarà possibile seguire l’intera cerimonia in chiaro a partire dalle 00:15 su TV8. Sarà possibile seguire la nottata anche in streaming o su SkyGo o NowTv.

Tutte le nomination

Miglior film

  • The Father
  • Judas and the Black Messiah
  • Mank
  • Minari
  • Nomadland
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior regia

  • Thomas Vinterberg, Another Round
  • David Fincher, Mank
  • Lee Isaac Chung, Minari
  • Chloé Zhao, Nomadland
  • Emerald Fennell, Una donna promettente

Miglior attrice protagonista

  • Viola Davis, Ma Rainey’s Black Bottom
  • Andra Day, The United States vs. Billie Holiday
  • Vanessa Kirby, Pieces of a Woman
  • Frances McDormand, Nomadland
  • Carey Mulligan, Una donna promettente

Miglior attrice non protagonista

  • Maria Bakalova, Borat Seguito di film cinema 
  • Glenn Close, Elegia americana
  • Olivia Colman, The Father
  • Amanda Seyfried, Mank
  • Youn Yuh-jung, Minari

Miglior attore protagonista

  • Riz Ahmed, Sound of Metal
  • Chadwick Boseman, Ma Rainey’s Black Bottom
  • Anthony Hopkins, The Father
  • Gary Oldman, Mank
  • Steven Yeun, Minari

Miglior attore non protagonista

  • Sacha Baron Cohen, Il processo ai Chicago 7
  • Daniel Kaluuya, Judas and the Black Messiah
  • Leslie Odom Jr., One Night in Miami
  • Paul Raci, Sound of Metal
  • LaKeith Stanfield, Judas and the Black Messiah

Miglior film straniero

  • Quo Vadis, Aida? (Bosnia Erzegoniva)
  • Another Round (Danimarca)
  • Better Days (Hong Kong)
  • Collective (Romania)
  • The Man Who Sold His Skin (Tunisia)

Miglior film d’animazione

  • Onward
  • Over the Moon
  • A Shaun Sheep Movie: Farmageddon
  • Soul
  • Wolfwalkers

Miglior corto d’animazione

  • Burrow
  • Genius Loci
  • If Anything Happens I Love You
  • Opera
  • Yes-People

Miglior sceneggiatura originale

  • Judas and the Black Messiah
  • Minari
  • Una donna promettente
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior sceneggiatura non originale

  • Borat Subsequent Moviefilm
  • The Father
  • Nomadland
  • One Night in Miami
  • The White Tiger

Miglior colonna sonora originale

  • Da 5 Bloods
  • Mank
  • Minari
  • Notizie dal mondo
  • Soul

Miglior canzone originale

  • Fight for You (Judas and the Black Messiah)
  • Hear My Voice (Il processo ai Chicago 7)
  • Húsavík (Eurovision Song Contest)
  • Io Sì (Seen) (La vita davanti a sé)
  • Speak Now (One Night in Miami)

Miglior montaggio

  • The Father
  • Nomadland
  • Promising Young Woman
  • Sound of Metal
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior fotografia

  • Judas and the Black Messiah
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Nomadland
  • Il processo ai Chicago 7

Miglior scenografia

  • The Father
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Tenet

Migliori costumi

  • Emma
  • Mank
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mulan
  • Pinocchio

Miglior effetti speciali

  • Love and Monsters
  • The Midnight Sky
  • Mulan
  • The One and Only Ivan
  • Tenet

Miglior trucco

  • Emma
  • Elegia americana
  • Ma Rainey’s Black Bottom
  • Mank
  • Pinocchio

Miglior sonoro

  • Greyhound
  • Mank
  • Notizie dal mondo
  • Sound of Metal
  • Soul

Miglior cortometraggio

  • Feeling Through
  • The Letter Room
  • The Present
  • Two Distant Strangers
  • White Eye

Miglior corto documentario

  • Colette
  • A Concierto is a Conversation
  • Do Not Split
  • Hunger Ward
  • A Love Song for Latasha

Miglior documentario

  • Collective
  • Crip Camp
  • The Mole Agent
  • MY Octopus Teacher
  • Time

Foto in copertina: EPA/Chris Pizzello / POOL