Qual è l’età giusta per avere il primo account social? Secondo il Gdpr in vigore nell’Unione Europea 14 anni, l’età minima per accettare le regole sul trattamento dei dati personali, secondo i Ceo dei social network 13 anni ma, a quanto apprendiamo, per Mark Zuckerberg questa soglia potrebbe essere abbassata ancora di qualche tacca, almeno per lnstagram. Magari arrivando a qualche compromesso. Vishal Shah, uno dei manager del social basato su video e immagini, ha dichiarato che il futuro della piattaforma passerà proprio dagli utenti più giovani:

«Sono entusiasta di annunciare che per il futuro prossimo abbiamo individuato nei giovanissimi una priorità per Instagram. Ci concentreremo su due cose: accelerare il nostro lavoro di integrità e privacy per garantire l’esperienza più sicura possibile per gli adolescenti e costruire una versione di Instagram che consenta alle persone sotto all’età di 13 anni di utilizzarlo in sicurezza per la prima volta».

L’annuncio di Shah non era pubblico. Teoricamente si trattava di una comunicazione riservata ai dipendenti che però è stata intercettata da Buzz Feed News. Sempre secondo questa testata tutto il progetto sarebbe supervisionato da Adam Mosseri, capo di Instagram. Alla guida ci sarebbe invece Pavni Diwanji, un’altra manager assunta negli scorsi mesi. Visto il suo curriculum è probabile che il motivo per cui è entrata su Instagram sia proprio questo. Prima di sbarcare a Menlo Park Diwanji ha lavorato a Google al progetto YouTube Kids, un’area della piattaforma dedicata ai ragazzi.

I social network e la privacy dei minori

In Italia il tema dell’accesso ai social network è all’ordine del giorno dopo la morte di una bambina a Palermo avvenuta alla fine dello scorso gennaio. Nonostante le indagini non abbiano confermato le dinamiche della vicenda, dalle prime informazioni sembrava che la bambina fosse morta dopo aver seguito una challenge su TikTok. Una circostanza che ha portato il Garante per la privacy italiano a chiedere a TikTok di aumentare i controlli sui minori. Per accedere alla piattaforma, esattamente come per tutte le altre, bastava infatti una autodichiarazione per accertare l’età.

Adam Mosseri ha chiarito comunque che il progetto Instagram Kids è solo in fase embrionale. Eppure la strada presa dai social è chiara: rendere le piattaforme sempre più sicure. Le stesse critiche del Garante per la privacy italiano sono state fatte nel 2019 anche dalla Federal Trade Commission americana che ha inflitto a YouTube una multa da 170 milioni di dollari per aver raccolto dati di minori senza il consenso dei genitori.

L’articolo Instagram sta pensando a un social dedicato solo agli under 13. Ecco cosa sappiamo proviene da Open.