A sipario calato, Amadeus è «felicissimo di tutta la settimana, finalmente è arrivato il 7 marzo». Così durante la conferenza stampa conclusiva del Festival di Sanremo, dopo la quinta serata, e ultima, di ieri 6 marzo. «Ho sempre tenuto a precisare – ha spiegato – che questo sarebbe stato un Sanremo diverso dagli altri. La risposta del pubblico a casa ha reso questo sforzo ancora più immenso, vista la difficoltà. Realizzarlo è stato incredibile». Poi i complimenti a tutti i cantanti che hanno partecipato. «Abbiamo voltato pagina, abbiamo cambiato il Festival». I dubbi sulla riuscita della manifestazione sono sfumati: «Non avrei mai potuto fare questo show senza il più grande showman che abbiamo, Fiorello». E poi il plauso all’orchestra: «È stato l’unico vero pubblico di questo Festival: abbiamo trascorso cinque serate che non dimenticheremo mai, mi hanno detto stanotte. Viva Sanremo! Questo festival è un valore immenso, teniamocelo stretto».

Fiorello

Breve e telefonica l’incursione di Fiorello: «Ho letto gli ascolti, sentito un sacco di numeri in questi giorni. Allora qualcosa mi sfugge: ho letto qualcuno che ha scritto che il nostro è stato un flop. Cosa mi sono perso?». Una precisazione anche sulla gag di ieri: «Ho detto “auguro a chi condurrà il prossimo Festival di avere il pubblico ma che gli vada malissimo”. Da uomo e non da comico spero che, chiunque sia, abbia il pubblico e che sia un Festival meraviglioso perché voglio godermi ogni singola serata».

Il direttore di rete e l’ad

Stefano Coletta, direttore di rete, torna a ribadirlo: «Questa manifestazione è stata una piccola rivoluzione culturale. La serata di ieri dimostra che sono entrati nel vocabolario artistico personaggi che ancora non conoscevamo. Sono spuntati talenti. La media di ascolto che abbiamo registrato è appena sopra i 50 anni. Non era mai successo. Questa è anche l’edizione dei record giovani».

Entusiasta anche l’ad della Rai Fabrizio Salini: «Ricordo la riunione, quasi un anno fa, in cui ci siamo detti: “Andiamo in scena senza pubblico”. I risultati sono stati sorprendenti». Salini iniziato a parlare anche della 72° edizione: «No ad un Ama ter? Ricordo sia ad Amadeus che a Fiorello, con cui condividiamo una piccola passione – quella calcistica, ndr – di non dimenticare il triplete». A margine anche l’intervento di Claudio Fasulo, capo struttura di Rai1, che ha spiegato: «Per contenere il contagio da Coronavirus, sono state utilizzate 25 mila mascherine ffp2, 10 mila mascherine chirurgiche. Abbiamo effettuato 5.800 tamponi, di questi solo 9 sono risultati positivi. Grazie a chi non voleva fare questo festival e in queste ore si sta mettendo medaglie sul petto».

L’articolo Sanremo 2021, Amadeus: «Festival immenso, teniamocelo stretto». L’ad Salini: «Si pensi al triplete» – La conferenza stampa proviene da Open.